logo raffadali
www.comune.raffadali.ag.it
e-mail: biblioteca@comune.raffadali.ag.it
Collezione dipinti
Pittori

sala lettura

Il "godimento" nell'arte

L'obbiettivo che ci siamo dati alla Biblioteca comunale di Raffadali è arduo ma stimolante, di concerto con funzionari comunali e dirigenti di settore abbiamo iniziato un lavoro di certosina ricostruzione storica per tappe per così dire “visive”. La Biblioteca possiede un patrimonio artistico in dipinti e stampe, che nel tempo sono state accumulate previo acquisto o lascito da parte degli stessi artisti ospitati in numerose mostre. Nell'arco temporale di cinquanta anni di storia culturale del paese i dipinti accumulati sono diventati numerosi. Nel darci un metodo per poter procedere al censimento ed alla catalogazione, ci siamo chiesti quali fossero i criteri corretti da utilizzare e se (cosa non banale) qualcuno avesse prima di noi affrontato questa problematica. Ebbene abbiamo scoperto che c'è sicuramente stata una forma di catalogazione dei dipinti che nel tempo sono entrati a far parte della collezione della Biblioteca, ma a seconda delle epoche, delle dirigenze, dei ritmi di produzione culturale e artistica delle diverse amministrazioni succedutesi nell'arco di cinquant'anni, i criteri di catalogazione sono stati diversi e spesso incompatibili tra loro. Detto ciò abbiamo ricominciato da zero, preso il primo dipinto, staccato dal chiodo, scrutato sul retro in cerca di informazioni utili sull'autore, sulla data di produzione o di donazione, sulle tecniche utilizzate, su aneddoti legati alla sua storia, indissolubilmente intrecciata con la nostra storia, quella della Biblioteca di Raffadali. In molti casi siamo stati fortunati, in altri l'opera di ricostruzione è stata più difficoltosa ma pur sempre affascinante.

Tutte le informazioni da noi trovate (scusandoci per tutto ciò che non siamo riusciti a trovare) sono contenute e consultabili da tutti nella sezione di questo sito con il preciso intento di creare una piattaforma comune di catalogazione per chi verrà dopo di noi, per portare alla luce un patrimonio artistico e culturale troppo a lungo ignorato ai più, per far partecipe il mondo intero del “godimento” insito nella fruizione di queste opere d'arte così condivise e per far si che questo patrimonio di grande valore non venga disperso.

Si ricorda il Sindaco On. Giacomo Di Benedetto per l'imput culturale affidatoci nel realizzare questa piccola impresa.

Alvise Gangarossa 2014